Ingredienti Premier

Bergamonte

bergm-4

La storia del bergamotto

Il bergamotto (Citrus Bergamia Risso) è una pianta di agrumi che cresce quasi esclusivamente nella stretta regione costiera della Calabria nel Sud Italia, a causa della sensibilità al tempo e alle condizioni del terreno. Il succo di bergamotto era tradizionalmente riconosciuto dalla popolazione locale come rimedio per sostenere il livello di colesterolo sano e la salute cardiovascolare. L'uso medicinale del bergamotto, dimenticato da decenni, viene ora riscoperto.

Il succo e l'albedo di bergamotto hanno un profilo unico di flavonoidi e glicosidi, come neoeriocitrina, neoesperidina, naringina, rutina, neodesmina, rhoifolina e poncirina. La naringina ha dimostrato di essere benefica nei modelli animali di aterosclerosi, mentre neoeriocitrina e rutina hanno dimostrato di possedere una forte capacità di prevenire l'LDL dall'ossidazione. È importante sottolineare che il succo di bergamotto è ricco di brutieridina e melitidina con una capacità di inibire la riduttasi HMG-CoA.

Citrus Bergamia Fruit (Bergamotto)

Brevettato, standardizzato, testato clinicamente

Bergamonte® contiene composti bioattivi di estratto di succo e albedo di Citrus bergamia Risso, standardizzato per> 38% flavonoidi polifenolici costituito da naringina, neoesperidina, neoeriocitrina, 1% melitidina e 2% brutieridina. Bergamonte® viene prodotto utilizzando la tecnologia di estrazione brevettata attraverso opere di collaborazione di varie università e istituti di ricerca in Italia.

Questi flavonoidi sono clinicamente testati per aiutare a mantenere sani i livelli di colesterolo †, il livello di glucosio nel sangue sano, aumentare il colesterolo HDL e promuovere una sana gestione del peso.

Vantaggi di Bergamonte®

  • Salute cardiovascolare
  • Supporta il colesterolo sano
  • Sostiene lo zucchero di anima sano
  • Perdita di peso sano

Il bergamotto di agrumi si differenzia da C. Aurantium ...

Citrus Bergamot differisce da C. Aurantium perché Citrus Bergamot non contiene synepherine, N-methyltyramine e octopamine, che sono state dimostrate nella ricerca per restringere le arterie, aumentare la pressione sanguigna, aumentare la frequenza cardiaca, causare disturbi del ritmo cardiaco, infarto e ictus.

Citrus Bergamot contiene melitidina e brutieridina che sono assenti in C. Aurantium. La ricerca ha dimostrato che questi composti supportano in modo significativo il colesterolo totale sano LDL, i trigliceridi e i livelli di glucosio nel sangue, aumentando l'HDL.

Melitidina e Brutieridina A Bergamonte è prodotta da BPF (frazione polifenolica di bergamotto) prodotta da H & AD SRL

Un articolo di ricerca pubblicato sul Journal of Natural Products 2009 ha dimostrato che il succo di bergamotto conteneva nuovi composti con proprietà simili a statine,
3-hydroxy3-metilglutarico acido (HMG) legato alla naringina (melitidina) e neoesperidina (brutieridina).

Questi nuovi composti interferiscono con la sintesi naturale della via del colesterolo
nel corpo umano: il substrato HMG-CoA interferisce con la sintesi dell'acido mevalonato, bloccando la produzione di colesterolo.

Potere ORAC antiossidante a spettro intero superiore

Bergamonte-dati-1

Modo di agire

Inibizione dell'HMG-CoA reduttasi
In uno studio pubblicato sul Journal of Natural Products July 2009, si suggerisce che la brutieridina e la melitidina agiscano come inibitori diretti della reduttasi HMGCoA. L'HMG-CoA reduttasi è un enzima legato alla produzione di colesterolo del fegato. La melitidina e la brutieridina inibiscono la capacità del fegato di produrre LDL, con conseguente riduzione dei livelli di colesterolo nelle cellule del fegato, che poi soddisfano i loro requisiti di colesterolo assorbendo il colesterolo circolante nel sangue, attraverso i recettori LDL. I recettori LDL abbattere il colesterolo circolante, con conseguente livelli di LDL sani nel sangue.

Inibire le fosfodiesterasi (PDE)
I flavonoidi di bergamotto mediano i loro effetti benefici sull'omeostasi dei lipidi e del glucosio mediante PDE4 e la modulazione di PDE3B. PDE4 svolge un ruolo fondamentale nel cAMP (adenosina monofosfato ciclico), che regola il metabolismo energetico, l'AMPK, l'idrolisi dei trigliceridi e il metabolismo del glucosio. PDE3B è cruciale per il trigliceride e il colesterolo
metabolismo, così come l'omeostasi del glucosio. La disregolazione di PDE3B può causare lo sviluppo di fegato grasso, comune nella sindrome metabolica e nei pazienti con diabete di tipo 2.

Attivazione di AMPK
I flavonoidi in Bergamonte® attivano l'AMPK e stimolano l'assorbimento del glucosio. L'AMPK svolge un ruolo centrale nella regolazione del glucosio sano, del metabolismo dei lipidi e della produzione di energia. L'attivazione di AMPK può prevenire l'accumulo di grasso addominale, regolare la tolleranza al glucosio, normalizzare i marcatori epatici e ridurre lo stress ossidativo e l'infiammazione nel fegato e nel cuore. I flavonoidi di bergamotto attivano il trasportatore di glucosio GLUT1 in tutte le cellule e la sovraregolazione e la traslocazione
GLUT4 alla membrana cellulare nelle cellule muscolari.

Risultati di prova clinici

In uno studio clinico umano non pubblicato che coinvolge i pazienti 192, i seguenti sono i risultati dopo che i pazienti hanno assunto 100ml di succo di Citrus Bergamot per i giorni 30.

bergamonte2014-dati

Attività ipolipemica e ipoglicemica della frazione polifenolica di bergamotto BPF prodotta da H & AD SRL

Fitoterapia 82 (Nov 2011) 309-316

I pazienti 237 con iperlipemia, ipercolesterolemica (HC, cLDL, bassa cHDL), mista dislipidemica (HC e TG) o sindrome metabolica (HC, HT e HG) assumevano placebo, 500mg, 1000mg.

bergamonte2015-dati-2

L'effetto della frazione polifenolica di bergamotto (500 e 1000 mg / al giorno) sulla vasodilatazione reattiva in pazienti affetti da iperlipidemia isolata (HC) o mista (HC / HT) e iperglicemia associata (HC / HT / HG).
La frazione polifenolica di bergamotto riduce i livelli di colesterolo totale e LDL (un effetto associato all'elevazione di cHDL), i livelli di trigliceridi e una significativa diminuzione della glicemia. Inoltre, ha inibito l'attività della riduttasi HMG-CoA e migliora la vasodilatazione reattiva.

Bergamonte-dati-2

Supporta il livello di colesterolo sano †, aumenta l'espressione di LOX-1 e la fosforilazione della proteina chinasi B

International Journal of Cardiology, 2013

In questo studio in aperto, gruppo parallelo, studio controllato con placebo, i pazienti 77 sono stati assegnati in modo casuale a placebo, Rosuvastatina, frazione polifenolica di bergamotto o combinazione di frazione polifenolica di bergamotto con Rosuvastatina per giorni 30.

bergamonte2014-dati-4-2

Entrambe le dosi di rosuvastatina e la frazione polifenolica di bergamotto aiutano a sostenere il livello di colesterolo sano † e riducono il mevalonato urinario rispetto al gruppo di controllo. I benefici sono associati a riduzioni significative dei biomarcatori utilizzati per la rilevazione del danno vascolare ossidativo, tra cui malondialdeide, recettore oxyLDL LOX-1 e phosphoPKB.

Effetti su LDL piccole particelle dense, biomarcatori metabolici e funzionalità epatica

Progressi nella chimica biologica, 2014, 4, 129-137

I pazienti 107 con sindrome metabolica e malattia del fegato non grasso hanno ricevuto placebo o mg 650 di frazione polifenolica di bergamotto due volte al giorno per i giorni 120. Il gruppo della frazione polifenolica di bergamotto ha mostrato una significativa riduzione della glicemia a digiuno, del colesterolo rotativo, del colesterolo LDL, dei trigliceridi e dell'aumento del colesterolo HDL. La frazione polifenolica di bergamotto riduce le particelle IDL di 51%, aumenta le LDL grandi di 38%, diminuisce le LDL piccole di 35% e l'aumento di 20% delle particelle HDL totali. L'indice epatorenale è stato significativamente ridotto di 46%, accompagnato dalla riduzione del pattern epatico ultrosonografico di steatosi da parte di 99%. Ciò suggerisce che la frazione polifenolica di bergamotto migliora sia la funzionalità epatica che l'infiammazione, come confermato dalla riduzione del TNF-α e della CRP.

Bergamonte-dati-3-2

Confronto prodotti

prodotto-confronto-chart

† Già entro il range normale

Riferimenti (La ricerca è stata eseguita utilizzando BPF, prodotto da H & AD SRL)

  1. Ross Walker, Elzbieta Janda e Vincenzo Mollace. L'uso della frazione di polifenolo derivata dal bergamotto nella prevenzione del rischio cardiometabolico e dei suoi meccanismi di azione possibili. Salute cardiaca e polifenoli. Chp 84, Pg 1085-1103, 2014
  2. Micaela Gliozzi, Ross Walker, Elzbjeta Janda, Vincenzo Mollace. La frazione polifenolica di bergamotto aumenta l'effetto indotto da rosuvastatina su LDLcholesterolo, espressione di LOX-1 e fosforilazione di proteina chinasi B in pazienti con iperlipidemia. International Journal of Cardiology Dec 2013, 170 (2): 140-5
  3. Vincenzo Mollace, Iolanda Sacco, Elzbieta Janda, Claudio Malara, Domenica Ventrice, Carmen Colica, Valeria Visalli, Saverio Muscoli. Attività ipolipemica e ipoglicemica dei polifenoli del bergamotto: dai modelli animali agli studi sull'uomo. Fitoterapia 82 (2011) 309-316
  4. Celia C, Trapasso E, Locatelli M, Navarra M, Ventura CA, Wolfram J, Carafa M, Morittu VM, Britti D, Di Marzio L .. Attività antitumorale di olio essenziale di bergamotto liposomiale (BEO) su cellule di neuroblastoma umano. Colloids Surf B Biointerfaces. 2013 Dec 1; 112: 548-53
  5. Delle Monache S, Sanità P, Trapasso E, Ursino MR, Dugo P, Russo M, Ferlazzo N, Calapai G, Angelucci A, Navarra M. Meccanismi alla base degli effetti anti-tumoral del succo di Citrus Bergamia. PLoS One. 2013 Apr 16; 8 (4)
  6. Kang P, Suh SH, Min SS, Seol GH. L'olio essenziale di Citrus bergamia Risso induce la vasorilassazione dell'aorta del topo attivando i canali K (+) e inibendo l'afflusso di Ca (2 +). J Pharm Pharmacol. 2013 maggio; 65 (5): 745-9
  7. Leopoldini M, Malaj N, Toscano M, Sindona G, Russo N. Sugli effetti inibitori dei flavonoidi del succo di bergamotto che si legano all'enzima 3-idrossi-3-metilglutaril-CoA reduttasi (HMGR). J Agric Food Chem. 2010 Oct 13; 58 (19): 10768-73
  8. Di Donna L, De Luca G, Mazzotti F, Napoli A, Salerno R, Taverna D, Sindona G. Principi simil-statinici del frutto del bergamotto (Citrus bergamia): isolamento dei glicosidi flavonoidi 3-idrossimetilglutaril. J Nat Prod. 2009 Lug; 72 (7): 1352-4
  9. Mollace V, Ragusa S, Sacco I, Muscoli C, Sculco F, Visalli V, Palma E. L'effetto protettivo dell'olio estratto di bergamotto sull'espressione del recettore oxyLDL-1 simile a lecitina nella formazione di neointima correlata al danno del palloncino. J Cardiovasc Pharmacol Ther. 2008 Jun; 13 (2): 120-9
  10. Natalizia Miceli, Maria Mondello, Maria Mondorte, Vasileios Sdrafkakis, Paola Dugo, Maria Crupi. Effetti ipolipidemici del succo di bergamotto nei ratti Alimentati con una dieta ipercolesterolemica. J. Agric. Food Chem., Vol. 55, No. 26, 2007

Formulazioni personalizzate di HPI

HP Ingredients offre formulazioni personalizzate e servizi di etichettatura privata ai produttori. L'innovazione di HPI nelle formulazioni si ottiene combinando i nostri ingredienti con marchio commerciale con altri nutraceutici testati clinicamente e ben studiati.